The Verde : proprietà e benefici

aprile 23, 2018 ArticoliGli Alleati del Benessere  Nessun commento

Il tè verde è molto più di una bevanda. Può essere considerato come un vero e proprio medicinale naturale.

 

Il nome botanico Camelia è stato dato genere in onore al contributo che il reverendo Georg Joseph Kamel detto Camellus (1661-1706), celebre botanico, diede alla scienza; invece Il nome sinensis in latino significa “cinese”.

Oltre alla varietà e alle differenze colturali, i vari tipi di tè si classificano in base al processo di lavorazione a cui vengono sottoposti. In particolare, mentre nella preparazione del tè nero la fermentazione è essenziale per ottenere l’aroma desiderato, il tè verde si ricava a partire da foglie giovani e fresche, trattate in modo da inibire i processi fermentativi. Rispetto a quello nero, il tè verde è più povero in caffeina (circa il 50% in meno), ma vanta maggiori proprietà antiossidanti.

Già nell’antichità, la Medicina Tradizionale Cinese conosceva le sue virtù e le attribuiva il potere di guarire il mal di testa, di eliminare le tossine e di preservare la giovinezza. Si narra che l’imperatore cinese Shen Nung fu il primo bevitore di tè; dati storici risalgono al il 2700 a.C., epoca in cui l’imperatore, mettendo le foglie della pianta dentro una brocca di acqua bollente, diede inizio a un rituale tanto sano quanto sacro.

Il suo utilizzo è dovuto all’alto contenuto di polifenoli.

Cosa sono i polifenoli? Sono potenti antiossidanti che neutralizzano i composti distruttivi nel corpo – conosciuti come radicali liberi. I radicali liberi danneggiano le cellule ed il DNA, contribuendo ad accelerare processo di invecchiamento e ad aumentare il rischio di molte malattie.

 

Benefici:

Il the verde protegge denti e bocca dai batteri

Il tè verde è dotato di una naturale azione antibatterica, che agisce in modo molto efficace soprattutto contro i batteri che attaccano il cavo orale: per questo motivo il consumo regolare di tè verde potrebbe contribuire a evitare la formazione della carie.

Combatte la degenerazione cellulare

Il the verde è molto ricco di antiossidanti: queste sostante sono in grado di combattere i radicali liberi e l’invecchiamento e la degenerazione delle cellule.

Grazie a questi processi bere tè verde può rivelarsi un aiuto per proteggersi dalle patologie cardiovascolari e infiammatorie (come l’artrite).

Il the verde può essere un utile alleato quando siamo a dieta e ci troviamo a combattere con un metabolismo un po’ “pigro”: infatti alcune sostanze contenute in questa bevanda si sono dimostrate molto utili nell’attivare il metabolismo dei grassi.

In questo modo è possibile sfruttare al meglio i grassi introdotti con la dieta per produrre energia.

Normalizzare la pressione sanguina

Una pressione del sangue troppo alta ci espone al rischio di diverse patologie (fra cui l’ictus): il tè verde, grazie all’alto contenuto in catechine (un particolare flavonoide antiossidante) aiuta a migliorare la circolazione e regolare la pressione del sangue.

Combattere i picchi glicemici

Grazie alle sostanze contenute al suo interno il the verde è in grado di regolare il livello di zucchero nel sangue: in questo modo è possibile evitare i picchi di glicemia, che possono risultare molto pericolosi per la nostra salute.

 Aiuta a controllare il colesterolo

Il the verde presenta anche la capacità di controllare e normalizzare i livelli di colesterolo nel sangue: una funzione molto importante, perchè evita problemi a livello cardiocircolatorio e ci può aiutare a perdere peso.

Previene il morbo di Alzheimer

Il tè verde sembra conferire numerosi benefici per la salute dei consumatori abituali, compresa la protezione contro il declino cognitivo.

In uno studio del 2011, il tè verde sembrava prevenire o ridurre i fattori scatenanti del morbo di Alzheimer, poichè si legava ai composti tossici che danneggiano le cellule cerebrali.

Inoltre, i ricercatori hanno notato che il tè riduceva significativamente la crescita delle cellule tumorali, fornendo così importanti benefici anti-cancro. Inoltre, uno studio del 2007  ha dimostrato che l’EGCG era in grado di fornire protezione contro i danni UV e di abbassare il rischio di sviluppare il cancro della pelle.

 

Bibliografia:

Internet-Wikipedia

 

Share

Lascia una risposta

Puoi utilizzare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>